La bici é il meccanismo più semplice e sofisticato mai costruito. E’ uguale a se stessa, tranne qualche dettaglio, più o meno dalla sua nascita, a fine ‘800. Prima destinata alle élites, poi mezzo di massa, ha spostato e sposta centinaia di milioni di persone ogni giorno, ovunque sul pianeta. Chiunque sa andare in bici, ed ha imparato da bambino. Un uomo in bicicletta e’ l’immagine più innocua che riesca a dare di sè quel predatore primario che è l’essere umano. Ed é, oggi, l’unico mezzo terrestre che ognuno, con poco sforzo, può riparare da sè in qualsiasi condizione, tranne forse la rottura del telaio, evento eccezionale. Addirittura, può costruirsela.
Si entra nel meccanismo e se ne esce sapendo esattamente cosa fa la bici e perché; impari che ogni parte, ogni singola parte, é utile.
Anche la bici ha accessori, naturalmente, ma se ne può fare tranquillamente a meno: e impari che superfluo, oggi, é quasi tutto. Nessun alzacristallo, nessun condizionatore, meno che mai radio o satellitari; persino la ruota di scorta é superflua, perché quando buchi bastano due leve, un po’ di colla e un pezzo di camera d’aria. E, naturalmente, cinque minuti o più per chi é alle prime armi.

Trovato sul web. Questa è solamente una introduzione ad altri post sullo “Scatto Fisso”.

Villa