Record dell’ora Prova ciclistica individuale su pista ideata nel 1893, nella quale l’atleta corre per un’ora da solo, cercando di coprire il maggior numero di chilometri possibile. Il primo a cimentarsi fu Henri Desgrange, parigino, che, l’11 maggio 1893, sulla pista del Buffalo coprì 35 chilometri e 325 metri. Il primo corridore a coprire più di 40 chilometri in un’ora (40 chilometri e 781 metri) fu lo statunitense William Hamilton a Denver nel 1898. Il record fu battuto sette anni più tardi da Louis Petit-Breton. Nel 1942 Fausto Coppi stabilì a Milano con 48 chilometri e 848 metri il nuovo primato mondiale dell’ora, battendo il precedente record del francese Marcel Archambaud. Fece meglio di Coppi Jacques Anquetil ma solo quattordici anni più tardi. Dopo le imprese di Ercole Baldini, del francese Roger Rivière, del belga Ferdinand Bracke e del danese Ole Ritter, nel 1972 al velodromo olimpico di Città di Messico, il belga Eddy Merckx coprì 49 chilometri e 431 metri. Il “muro” dei 50 km venne abbattuto per la prima volta nel 1984 da Francesco Moser. Attualmente il record è detenuto da Chris Boardman che sulla pista del velodromo di Manchester, il 6 settembre 1996, migliorò la misura precedentemente stabilita da Toni Rominger portandola a 56 chilometri e 375 metri.
Nel settembre 2000 l’Unione ciclistica internazionale ha deciso di riconoscere solo le prestazioni ottenute con biciclette tradizionali. Ciò ha comportato il ripristino del record dell’ora stabilito da Merckx nel 1972 e la cancellazione dei primati registrati successivamente con biciclette speciali. Un mese dopo Boardman ha battuto il vecchio record di Merckx coprendo 49 chilometri e 444 metri in un’ora con un mezzo tradizionale.
Microsoft ® Encarta ® 2006. © 1993-2005 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.

DATA RECORD LUOGO ATLETA
11-05-1893 35,325 km Parigi Henri Desgrange (Francia)
31-10-1894 38,220 km Parigi Jules Dubois (Francia)
30-07-1897 39,240 km Parigi Oscar van der Eynde (Belgio)
09-07-1898 40,781 km Denver Willie Hamilton (USA)
24-08-1905 41,110 km Parigi Lucien Petit-Breton (Francia)
20-06-1907 41,520 km Parigi Marcel Berthet (Francia)
22-08-1912 42,360 km Parigi Oscar Egg (Svizzera)
07-08-1913 42,741 km Parigi Marcel Berthet (Francia)
21-08-1913 43,525 km Parigi Oscar Egg (Svizzera)
20-09-1913 43,775 km Parigi Marcel Berthet (Francia)
18-06-1914 44,247 km Parigi Oscar Egg (Svizzera)
25-08-1933 44,588 km Roermond Jan van Hout (Paesi Bassi)
29-08-1933 44,777 km Saint-Trond Maurice Richard (Francia)
31-10-1935 45,067 km Milano Giuseppe Olmo (Italia)
14-10-1936 45,375 km Milano Maurice Richard (Francia)
29-09-1937 45,535 km Milano Frans Slaats (Paesi Bassi)
03-11-1937 45,817 km Milano Maurice Archambaud (Francia)
07-11-1942 45,848 km Milano Fausto Coppi (Italia)
29-06-1956 46,149 km Milano Jacques Anquetil (Francia)
19-09-1956 46,393 km Milano Ercole Baldini (Italia)
18-08-1957 46,923 km Milano Roger Rivière (Francia)
23-09-1958 47,346 km Milano Roger Rivière (Francia)
30-10-1967 48,093 km Roma Ferdinand Bracke (Belgio)
10-10-1968 48,653 km Messico Ole Ritter (Danimarca)
25-10-1972 49,431 km Messico Eddy Merckx (Belgio)
19-01-1984 50,808 km Messico Francesco Moser (Italia)
23-01-1984 51,151 km Messico Francesco Moser (Italia)
17-07-1993 51,596 km Hamar Graeme Obree (Gran Bretagna)
23-07-1993 52,270 km Bordeaux Chris Boardman (Gran Bretagna)
27-04-1994 52,713 km Bordeaux Graeme Obree (Gran Bretagna)
02-09-1994 53,040 km Bordeaux Miguel Indurain (Spagna)
22-10-1994 53,832 km Bordeaux Tony Rominger (Svizzera)
05-11-1994 55,291 km Bordeaux Tony Rominger (Svizzera)
06-09-1996 56,375 km Manchester Chris Boardman (Gran Bretagna)
27-10-2000 49,444 km Manchester Chris Boardman (Gran Bretagna)
Nel settembre 2000 l’Unione ciclistica internazionale ha deciso di riconoscere solo le prestazioni ottenute con biciclette tradizionali. Ciò ha comportato il ripristino del record dell’ora stabilito da Eddy Merckx nel 1972 e la cancellazione dei primati registrati successivamente con biciclette speciali.